Portafoglio Etf: strumenti per un investimento permanente

Immagine per l'articolo Portafoglio Etf: strumenti per un investimento permanente

 

Nel mare magnum degli Etf (Exchange Trade Funds) – si conta ve ne siamo circa cinquemila in tutto il mercato finanziario mondiale e duemila circa nel mercato italiano – vi è il rischio di perdersi con il rischio di non riuscire a far fruttare adeguatamente il nostro fondo, sprecando capitali, o addirittura di non trovare un portafoglio Etf d’investimento adatto alle nostre esigenze e rimandare un’opportunità a cui tenevamo, sprecando anche ricerche nel settore e tempo.

Negli ultimi due anni gli Etf son riusciti a emergere con forza, nella fattispecie anche prodotti finanziari come i portafogli Etf, ottenendo spinte positive dai mercati e nuove attenzioni, differenziandosi ottimamente per costi di gestione, rendimenti e per assenza di conflitti d’interesse rispetto agli altri prodotti d’investimento come azioni, fondi immobiliari o le classiche obbligazioni statali. Inoltre, vi è la possibilità concreta d’investire su più mercati nazionali e settori economici offrendo l’opportunità unica di diversificare gli investimenti e i rischi. Motivi, sicuramente, per il quale possiamo concedere la nostra fiducia e i nostri patrimoni a strumenti di per sè ben congeniati per struttura, costi e obiettivi in breve e lungo termine.

Ma cosa contiene un portafoglio Etf? Perché si differenzia dai classici prodotti d’investimento?

Gli Etf sono dei fondi comuni indicizzati a gestione passiva che copiano fedelmente l’andamento del mercato generale.

Vi sono quattro tipi di Etf:

  1. Azionari
  2. Obbligazionari
  3. Basati sulle Materie Prime
  4. Short – Inversi / Leveraged – A leva

I primi Etf si basano sul mercato azionario e precisamente:

  • Sugli indici di mercato e di borsa come, per esempio, S&P 500, Cac, Dax, Nikkei, Ftse Mib.
  • Sugli indici di settore, per esempio, come quello bancario, delle telecomunicazioni o dei media.
  • Sui REIT (Real Estate Investment Trust), società che operano nel settore e nel mercato immobiliare, simili ai fondi d’investimento immobiliare possiedono, amministrano e finanziano beni immobili generando reddito, garantendo agli investitori una maggiore liquidità nel mercato di riferimento rispetto ai canonici soggetti d’investimento.

Quest’ultimi Etf sono parecchio adatti soprattutto per trader principianti per la loro maggiore capacità di capitalizzazione.

I secondi Etf sono, invece, a base obbligazionaria e si distinguono in:

  • Obbligazioni emesse dagli Stati nazionali
  • Obbligazioni emesse da un’azienda privata o da un soggetto privato

Da precisare che le obbligazioni sono giudicate dal rating, esso determina, più o meno, la capacità di una società o di uno stato di pagare i propri debiti. Questo giudizio viene emesso da soggetti indipendente ed esterni, ovvero le famose Agenzie di Rating, tramite stime e scale di valori.

I terzi Etf si basano sugli Etc (Exchange Traded Commodities):

essi sono strumenti finanziari derivati utilizzati per investire sulle materie prime (oro, argento, petrolio, legno) o su panieri di beni, ovvero, per esempio, su un paniere di metalli preziosi. Essi sono titoli senza scadenza e replicano in modo passivo l’andamento di mercato della materia o gli indici delle materie prime a cui fanno riferimento e si differenziano in Etc:

  • single commodity, per esempio benzina, granoturco o semi di soia
  • di panieri omogenei su indici strutturati , per esempio energia, cereali o bestiame
  • sugli indici globali di commodities
  • su indici forward di commodities

Gli ultimi Etf ma non meno importanti sono:

  • Gli Etf short al ribasso o inversi basati su una vendita allo scoperto ( per l’appunto short selling) agiscono investendo sulla perdita o la discesa di una determinata azione o sulla recessione di una fetta del mercato azionario. Rappresentano anch’esse un’opportunità efficiente e vantaggiosa ma vanno utilizzati con cautela e visione d’insieme soprattutto ragionando sulle strategie e le capacità dei propri portafogli Etf.
  1. Gli Etf Leveraged o a leva sono dei particolari strumenti di trading usati per ottenere un guadagno di due o tre volte superiore a certi Etf basati con lo stesso benchmark. Con benchmark intendiamo quel parametro oggettivo di riferimento, costituito attraverso indicatori finanziari, avente il vantaggio principale di valutare il rischio di un certo tipo d’investimento. Come gli Etf short essi vanno adoperati con parsimonia e strategia d’investimento tenendo conto principalmente del fattore tempo (timing) e degli andamenti di mercato. Difatti, è consigliabile utilizzarli nel piccolo o, massimo, medio periodo.

 

Immagine per l'articolo Portafoglio Etf: strumenti per un investimento permanente

 

Gli abbonamenti Fintecrowd hanno uno scopo: scegliere e optare per un buon portafoglio Etf

Come abbiamo visto gli Etf sono una realtà sfaccettata e diversificata ma non impossibile da comprendere. Alcuni fattori secondari fanno parte dell’architettura degli Etf ma saranno meglio compresi tramite gli abbonamenti Fintecrowd. Essi vogliono semplificare i tuoi investimenti e sono creati allo scopo di rendere chiaro tutto ciò che ha un taglio fin troppo tecnico e specializzato.

Sapevi che un portafoglio deve tener anche conto della bontà della replica e del suo tipo? Sai che le dimensioni del fondo e la sua relativa età sono anch’essi elementi da tener conto per una buona finalizzazione dell’investimento? La liquidità degli scambi e la distribuzione dei dividendi come possono incidere sulle prestazioni dei miei portafogli Etf?

– Se vuoi saperne di più, dai un’occhiata al nostro corso sul saper investire in Etf 

Ecco, un abbonamento Fintecrowd è finalizzato a rispondere anche a queste domande, con le sue direttive e consigli di gestione snella vuole rendere più semplice e pratico il tuo percorso d’investimento, alla portata di tutti; vuole adoperare tecnologie come gli algoritmi e i robo advisor senza, però, snaturare la qualità del processo e utilizzare la professionalità e l’esperienza dei nostri consulenti interni.

La nostra offerta di abbonamenti si basa su due elementi:

  • Portafoglio Etf Fintecrowd Silver Bear

Il portafoglio Etf Silver Bear offre una piattaforma di gestione per investitori alle prime armi o con poca esperienza, propensi a un rischio basso o medio e con patrimoni non eccessivamente alti. Riserviamo un pacchetto di Etf azionari e obbligazionari con assett client stabili, nazionali e internazionali, con una maggiore capitalizzazione di medio e lungo termine con bassi costi di gestione.

  • Portafoglio Etf Fintecrowd Golden Bull

Il portafoglio Etf Golden Bull mette a disposizione, invece, una piattaforma di gestione più completa e variegata per investitori più complessi ed esperienti, dediti al trading finanziario da medio e lungo tempo. La grandezza dei fondi o patrimoni è molto più ampia o illimitata, il pacchetto di Etf è molto più diversificato con un metodo d’investimento più poliedrico e non solamente basato sulle azioni e obbligazioni e con una scelta di assett client più versatili.

SCOPRI I NOSTRI ABBONAMENTI